Visualizzazione post con etichetta Biscotti. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Biscotti. Mostra tutti i post

Baicoli veneziani con lievito madre



I baicoli sono dei biscotti croccanti e friabili della tradizione veneziana. Il nome dialettale deriva dalla forma allungata simile a piccoli pesci come branzini o cefali. L’origine è antichissima, legata alla storia della repubblica marinara di Venezia; infatti i marinari indotti a stare per lunghi periodi lontani dalle famiglie, ritrovavano il sapore di casa in questi semplici biscotti che, hanno la particolarità di conservarsi a lungo in una scatola di latta. I baicoli sono delle piccole fettine di pan/biscotti, molto simili a delle fette biscottate. Sono ottimi per accompagnare Caffè, tè, zabaione, cioccolata calda o vini dolci. Ho apportato delle piccole varianti su alcuni ingredienti, utilizzando lo sciroppo d’acero al posto dello zucchero e l’olio anzichè il burro, tutto questo per avere un prodotto più sano, senza stravolgere la base della ricetta originale.


Biscotti con Alga Spirulina a forma di albero di Natale



In questo periodo è bello regalare delle delizie alle persone care, quest’anno ho deciso di aggiungere ai soliti cantucci e tozzetti, anche questi biscotti con alga spirulina a forma di albero di Natale, il colore è perfetto. In questa occasione ho sperimentato una nuova frolla senza uova, burro e latte, oltretutto ha pochi grassi e zuccheri, quindi si ottengono degli ottimi biscotti sani e leggeri, da considerare anche le molteplici proprietà benefiche dell’alga spirulina. Perfetti anche come segnaposto per la tavola di Natale.


Tozzetti laziali



I tozzetti sono dei biscotti secchi laziali, nascono nel viterbese, ma diffusi in tutto il Lazio, sono molto simili ai cantucci, ma mentre quest’ultimi vogliono rigorosamente le mandorle, nel tozzetto la tradizione vuole le nocciole, ma sono ammesse delle varianti: al cioccolato al pistacchio, ai pinoli, alcuni utilizzano anche i semi. I tozzetti come i cantucci vengono consumati prevalentemente nel periodo natalizio, ma si trovano tutto l’anno; tutte e due ottimi come dessert di fine pasto, inzuppati nel Vinsanto, Passito di Pantelleria e Marsala, ma anche a colazione e merenda nel tè, orzo o latte, sono sfiziosi anche gustati al naturale come spezza fame. Questi biscotti si mantengono a lungo se conservati in una scatola di latta o in barattoli con chiusura ermetica.


Cantucci salati con farina di farro



Quelli di oggi sono dei deliziosi cantucci salati, da servire per un aperitivo, ma anche per iniziare una cena tra amici, o semplicemente da spizzicare tra un pasto e l’altro. Facili e veloci da realizzare, ottimi anche con pistacchi, arachidi ed erbe aromatiche a piacere.


Biscotti di avena e riso con sciroppo d’acero (vegan)



Per la mia colazione sono sempre alla ricerca di biscotti sani con pochi grassi vegetali e possibilmente senza zucchero. Quelli che propongo oggi sono dei deliziosi biscotti di avena leggermente croccanti, senza uova, lattosio, né zucchero aggiunto. Oltretutto sono di facile e veloce preparazione, divertitevi a realizzarli insieme ai piccoli di casa.

Bianco biscotto di Marco Bianchi




Un’altra deliziosa ricetta presa dal libro “Io mi voglio bene”. Ormai non faccio altro che sfogliarlo, sempre in cerca della ricetta giusta nel momento giusto. Questi di oggi sono dei biscotti di cocco in un mix di farine, senza uova e lattosio, con poco zucchero e senza grassi aggiunti. Coccolatevi nella leggerezza del bianco biscotto.

Biscotti di arachidi con olio



Al primo morso di questi biscotti sarai avvolto da un sapore avvolgente di arachidi tostate, in perfetta armonia con la dolcezza equilibrata dello zucchero e il calore fruttato dell’olio di oliva, un tocco mediterraneo che dona non solo un sapore straordinario ma anche una consistenza leggermente croccante e friabile. Con la loro forma rotonda e il loro colore dorato, i biscotti di arachidi sono una celebrazione di sapori autentici e di qualità.

Cantucci (o tozzetti) al cioccolato

                           

I tozzetti originari della regione Lazio, in particolari di Viterbo, sono dei biscotti simili ai cantucci, la differenza sta nella frutta secca: nei cantucci ci sono le mandorle mentre nei tozzetti ci sono le nocciole. Questa variante al cioccolato fondente con l’aggiunta dei pistacchi di Bronte è una vera delizia, sono amati per la loro croccantezza e il sapore unico (Qui e qui, trovate due versioni di cantucci). La combinazione di cioccolato fondente con la consistenza rustica dei tozzetti crea un'esperienza gustativa indulgente che soddisfa i palati più esigenti. Questi biscotti sono perfetti da gustare con un caffè o da regalare come dono fatto in casa durante le festività o in qualsiasi momento si desideri indulgere in un dolce momento di piacere.

Biscotti tipo cantucci con solo albumi



Avendo da smaltire alcuni albumi, mi sono venuti in mente, i biscotti di Barbara, così, quest’anno i miei cantucci sono stati leggermente rivisitati nel procedimento, mantenendo però le dosi della ricetta. In pratica ho sostituito il peso delle uova intere, con ugual peso di albumi. Rispetto alla ricetta classica, i biscotti rimangono un pò più leggeri e croccanti... Ottima alternativa!


Biscotti di Natale: omini di pan pepato o pan di zenzero (gingerbread) senza burro



Lo scorso anno non ho fatto in tempo a prepararli, oggi invece li propongo con un pò di anticipo, giusto il tempo di farvi organizzare. Quest’anno non ho utilizzato la ghiaccia reale, ho voluto provare a decorarli con dei pennarelli alimentari, è tutto così facile e veloce che anche i bambini si divertiranno. Per realizzarli, ho riadattato secondo i mie gusti, una ricetta presa dal libro “Cucinare nelle Dolomiti”, ho sostituito il burro con l’olio e apportato parecchie modifiche. Non pensavo di ottenere questo risultato, sono più che soddisfatta!

Brutti ma buoni al pistacchio



La ricetta classica provata un po’ di tempo fa, è stata presa dal libro “Frollini” di Maurizio Santin. Oggi ve la propongo rivisitata con i deliziosi pistacchi di Bronte, ma dopo l’esperienza scorsa ho voluto mettere un freno alla mia golosità, ho dimezzato la dose… Troppo “Buoni” e direi anche, per niente “Brutti”!