Brutti ma buoni


Non li mangiavo da tempo... un amico di famiglia ce li portava da Varese...  la città di origine di questi buonissimi dolcetti è Gavirate (Va), dove nacquero nel 1878 dall’ispirazione di Costantino Veniani. Chissà perchè ho aspettato tanto a farli, oltretutto si possono riciclare gli albumi che sostano nel congelatore... sono davvero irresistibili! Ottimi gustati con vini liquorosi, creme, ma anche con cioccolata calda o caffè, oppure semplicemente così! La ricetta di oggi è presa dal libro “Frollini” di Maurizio Santin... sono esattamente come li ricordavo... una prelibatezza!



Brutti ma buoni
(Dal libro "frollini" di Maurizio Santin)

Ingredienti
150 g di farina di mandorle* (mandorle tostate e tritate grossolanamente)
150 g di farina di nocciole* (nocciole tostate e tritate grossolanamente)
250 g di zucchero semolato (il mio di canna sottile)
130 g di albumi bio
i semi di un baccello di vaniglia

Procedimento
Montate gli albumi con lo zucchero e i semi di vaniglia, quando il composto sarà ben fermo, unite delicatamente con una spatola mandorle e nocciole (io le ho leggermente tostate).

Mettete l’impasto in una pentola e lasciate asciugare lentamente a fuoco basso per circa 20-30 (per me un pò meno) minuti. Fate intiepidire.

Formate dei mucchietti irregolari con un cucchiaio e adagiateli su una teglia rivestita di carta forno. Cuocete a 130°C per 25-30 minuti.

Nota
* La ricetta riporta (forse per errore) farina di mandorle e nocciole, ma visto che li ho rifatti più volte, consiglio di non tritare troppo la frutta secca, meno viene tritata, più morbidi e leggeri saranno questi dolcetti!

Buona preparazione! 



Ti potrebbe interessare:

Buoni ma brutti al pistacchio




25 commenti:

  1. Brutti per niente! Solo tanto tanto ma tanto B U O N I ^_^ Un baciotto, buona giornata

    RispondiElimina
  2. I tuoi sono proprio belli...e capiti proprio a fagiolo perchè ho degli albumi da utilizzare...grazie della ricetta! Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Piacciono tanto anche a me e si fanno in un attimo, mi segno anche questa ricetta, magari Santin ha l'originale.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  4. Ciao Sara!
    Anche io non li vedevo da tempo ma guardandoli da te mi hanno fatto ricordare quando, un pò di tempo fa, mia mamma si cimentò in questa ricettina dolce.... buonissimi!
    Proverò a rifarli....
    Baci
    Federica.

    RispondiElimina
  5. Eccome se sono buoni!!!!! baci :-)

    RispondiElimina
  6. hai ragione anche io li adoro ma sono ottimi tritando a casa le nocciole o le mandorle comprando invece farina di... cambiano completamente!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  7. saranno pure brutti (che fra l'altro a me sono sempre piaciuti come aspetto!!!) ma a me fano una gola tremenda!
    bacio

    RispondiElimina
  8. quanto m i piacciono, da piccola erano il primo pasticcino che prendevo se ci portavano le paste come dolce! Bellissima ricetta e bellissima foto, un bacio!

    RispondiElimina
  9. Ma lo sai che non li ho mai provati questi biscotti??Li conosco di nome ma mai fatti quindi per rimediare a questa mancanza non posso che affidarmi alla tua ricetta perchè sono sicura che saranno una vera bontà!Bacioni,imma

    RispondiElimina
  10. possono essere anche brutti, ma a noi interessa il gusto ;). mi piacciono, baci.

    RispondiElimina
  11. Sono deliziosi, anche io li ho avuti in regalo da un'amica trasferitasi a Varese. I tuoi sono davvero perfetti!

    RispondiElimina
  12. Chissà perchè si chiamano così questi fantastici biscottini...alla fine non sono mica brutti, sono rustici ed accattivanti!!!

    RispondiElimina
  13. Non ho mai assaggiato i Brutti ma buoni,ma mi ispirano tantissimo..con quel gusto di mandarle e nocciole, gnam!

    Siamo una mamma e una figlia, Rosi e Soni, ci siamo appena avventurate nel fantastico mondo del foodblog..ci piacerebbe che facessi parte della nostra ciurma!

    Briciole di Bontà

    RispondiElimina
  14. Io li definirei i buoni ma buoni :-) li adoro

    RispondiElimina
  15. Grazia cara, adesso si che farò sogni meravigliosi ;-)

    buona notte

    RispondiElimina
  16. eh!! questi si che sn biscotti buonissimi!!!brava!!!

    RispondiElimina
  17. non m i sembrano neanchè poi brutti!!!
    baci
    Sandra

    RispondiElimina
  18. ma son bellissssssssssssssssssssssssimi!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  19. Non sapevo fosse una ricetta tipica e questa versione di Santin è veramente bellissima!!!!

    RispondiElimina
  20. non sono per niente brutti!! buoni invece si!! :)

    RispondiElimina
  21. Veramente c'è scritto farina? A me piace di più se la frutta secca è tritata grossolanamente.
    Devono venire esattamente come i tuoi... sono dei perfetti brutti ma buoni!
    Ciao Sara :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così... ho ripetuto la ricetta tre volte prima di pubblicarla, non capisco perchè la descrizione delle ricette sui libri anche di maestri (direi soprattutto maestri) nella pasticceria è così superficiale... ci casco sempre e continuo a comprarli! Però questi che vedi sono perfetti! Grazie Barbara :)

      Elimina
    2. Hai ragione... ci casco anch'io, ma sempre meno. Questi dolcetti se non sono brugolosi non hanno senso per me!
      Non ho mai provato con lo zucchero di canna fine... da ri-fare!

      Elimina
  22. Ma quanto sono buoni i brutti ma buoni? E comunque anche io li preferisco tritati grossi!

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a... se provi le ricette o vuoi un parere, lascia un commento.