Pastiera napoletana (la mia versione leggera)




Lo dico con molto rammarico, ma la pastiera a me risulta stucchevole, troppo di tutto: burro, zucchero, uova e calorie. Così ho pensato di realizzarne una a mia misura, senza però sconvolgere la ricetta, ho solo utilizzato con moderazione tutti gli ingredienti che vuole la tradizione (tranne il burro). Oltretutto non sono la sola a stare perennemente a dieta, quindi condivido con molto piacere, la mia deliziosa e leggera pastiera napoletana.






Ingredienti
Per la frolla 
200 g di farina tipo 2
100 40 g di fecola di patate + 60 g farina 0 (o farina tipo 2)
80 g di zucchero di canna chiaro
80 di olio delicato
2 uova bio
vaniglia q.b.
scorza di limone non trattato
una presa di sale

Per il ripieno
300 g di grano cotto
300 g di ricotta di mucca
100 g di latte
75 g di zucchero di canna chiaro
150 g di crema pasticcera
70 g di scorza di arance candite
1 uovo bio
cannella q. b.
3 cucchiai di acqua di fiori d’arancio

zucchero a velo per decorare


Procedimento

Frullate a immersione le uova (a temperatura ambiente) con l’olio e il di sale, deve risultare un composto cremoso. In una ciotola mescolate le farine e il lievito setacciati, lo zucchero, la vaniglia e la scorza di limone, aggiungete il composto frullato e impastate velocemente. L’impasto finito non deve appiccicare alle mani, quindi se occorre aggiungete ancora farina, se invece dovesse risultate asciutto aggiungete qualche cucchiaio di acqua (dipende dalla farina che si utilizza). Stendete 2/3 della frolla sulla carta forno, rivoltatela e adagiatela in una teglia (di 24 cm) spennellata con olio, lasciando alti i bordi e ritagliando la frolla che fuoriesce. Lasciatela riposare in frigo. 

Nel frattempo preparate il ripieno: in un pentolino fate cuocere il grano con il latte (a fuoco dolce) per circa dieci minuti o fino ad assorbimento. Lasciate raffreddare e mettetelo da parte.

In una ciotola lavorate la ricotta setacciata con lo zucchero, aggiungete la cannella, l’acqua di fiori d'arancio, la crema pasticcera, il grano che avete messo da parte e l’uovo sbattuto, amalgamate il composto e in ultimo aggiungete la scorza di arancia candita.

Riprendete la teglia che avete messo in frigorifero, versate il ripieno, livellate e decorate con la frolla rimasta facendo le classiche strisce.

Preriscaldate il forno a 160°C e infornate per circa 50-55 minuti. Lasciate riposare nel forno spento per circa 10 minuti. Fate raffreddare la pastiera del tutto e prima di servirla spolveratela con lo zucchero a velo. La pastiera va conservata in frigorifero, con il passare delle ore il sapore migliora. 





1 commento:

  1. Guarda, anche io non uso il burro per la pastiera. Preferisco l'olio. Un po' più leggera e sana, per quanto sia un dolce che ha le sue calorie ma che io adoro tantissimo.
    Abbracci e buon lunedì di pasquetta.

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a... se provi le ricette o vuoi un parere, lascia un commento.