Crostata di farro e prugne con frolla senza uova ne burro



Dopo la crostata di pesche, eccone un'altra con le prugne... Non molto tempo fa le avevo utilizzate per una morbida focaccia. Quest'altra varietà di prugne è particolarmente buona e le mie erano davvero speciali... devo ringraziare Carmela, la mia fruttivendola che, essendo un'associata alla Coldiretti mi propone prodotti di qualità. Per realizzare la crostata di oggi, Ho usato la frolla al farro leggera di “Luca Montersino”, l'avevo già provata qui in versione rustica... E’ sorprendente il sapore e la consistenza di questa frolla, non sembra davvero senza uova, è eccezionale... Direi proprio “golosa di salute”, provare per credere! Fan page: facebook






Prima della cottura



Ingredienti
Per la frolla (di Luca Montersino)
(per uno stampo di 23 cm)
250 g di farina di farro bianca bio
125 g di zucchero di canna bio (non sostituire con zucchero bianco, quello di canna la rende più croccante)
35 g di olio e.v.o
35 g di olio di semi (il mio di riso)
62,5 di acqua + 2,5 g (un cucchiaino da tè)
6 g di lievito chimico per dolci
1 baccello di vaniglia bourbon (per me cannella)

Per la composta di prugne
450 g di prugne cosce di monaca (susine)
40 g di zucchero di canna bio
1 cucchiaino di succo di limone
2 cucchiai di acqua
1 cucchiaino da caffè di agar agar (facoltativa, si può sostituire con buccia di mela non trattata oppure prolungando la cottura)

Per decorare
250 g di prugne



Procedimento

Per la composta: lavate e snocciolate le prugne, tagliatele a tocchetti e mettetele in un tegame, aggiungete il limone, lo zucchero e l’acqua, lasciatele cuocere a fuoco dolce fino allo spappolamento, passate le prugne in un passatutto. Rimettete nel tegame il passato di prugne, aggiungete l’agar agar e continuate a cuocere per altri 5-6 minuti (con la buccia di mela fino a giusta consistenza) e lasciate raffreddare.

Per la frolla: Sciogliete lo zucchero mescolando in acqua fredda, unite i due oli, la farina e il lievito setacciati e la cannella. Lavorate l’impasto velocemente (l’impasto si presenta molle), mettetelo in una ciotola, sploverizzatelo con farina di farro, coprite con la pellicola e lasciate riposare in frigo fino a rassodamento. Prima di utilizzare la frolla lavoratela di nuovo per mezzo minuto con un il cucchiaino di acqua per snervarlo e renderlo più malleabile. Stendete l’impasto sulla carta forno allo spessore di 4 mm, disponete su uno stampo da crostata unto con olio o ricoperto di carta forno, alzando il bordo (vedi foto prima della cottura), punzecchiate la base con i rebbi di una forchetta e lasciate riposare in frigo per 30 minuti circa. Versate la composta, livellate e decorate con le prugne lavate, snocciolate e tagliate a spicchietti, a questo punto ho piegato delicatamente il bordo della crostata in avanti fino a toccare la composta (questo passaggio è solo un tocco estetico, si può tralasciare). Mettete in forno caldo a 170°C per circa 40 minuti (regolatevi con il vostro forno).


Nota
In questa preparazione, le dosi della frolla sono state dimezzate, per una crostata più grande raddoppiate tranquillamente, sarà anche più facile pesare i singoli ingredienti.






Gola e vanità, due passioni che crescono con gli anni. 
“Alessandro Manzoni”








38 commenti:

  1. Mai fatta con le prugne.. anche se la confettura preferita da mia mamma per fare le crostate è proprio di prugne! sarà ottima con la composta fatta da te.. smackkk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la composta mancava anche a me... è favolosa!

      Elimina
  2. Luca Montersino è un grande, ma lo sei senza ombra di dubbio anche tu! Hai realizzato una crostata meravigliosa, complimenti :)
    http://ledeliziedelmulino.blogspot.it/

    RispondiElimina
  3. una sorta di brisée dolce....da provare, la faccina è davvero molto invitante:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è proprio cosi... lo zucchero di canna in questa frolla è un ingrediente molto importante! Grazie Pallina ;)

      Elimina
  4. la farò di certo alla mia cognatina vegana ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacerà anche a te Aria, ne sono più che sicura!

      Elimina
  5. MAMMA MIA che fantastica visone questa crostata, complimenti!

    RispondiElimina
  6. Una curiosità, perché non scrivi direttamente 65g d'acqua invece di 62,5+2,5?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè 2,5 g di acqua (un cucchiaino da tè) servono separatamente... lo trovi scritto nel procedimento. Ciao loulou!

      Elimina
  7. Sara tutto quello che proponi è favoloso!! A presto ^_* buona settimana!

    RispondiElimina
  8. Bellissima ricetta! Incredibile che sia di Montersino... ci sono pochi ingredienti!
    Non amo le prugne, quindi ho pensato ai fichi, oppure alle more che andrò a raccogliere appena sono mature. Comunque sia è una frolla da provare... grazie Sara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barbaraaaa, si vero, sembra incredibile, ti assicuro che è buonissima, da fare con le more i fichi e tutte le marmellate e confetture che ci piacciono... ti piacerà credimi! Ti abbraccio! Grazie Barbara ;)

      Elimina
  9. Fantastica, con le prunge, che mi piacciono tantissimo in versione viola!
    L'avevo fatta anch'io questa frolla di Montersino, sostituendo con farine gluten free. Proprio ieri ne ho fatta una con parte di farina di castagne e sostituendo la dose di acqua con 50 ml. di latte di riso. Buona anche così :)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Cinza, è così buona che anch'io la proverò anche con altre farine!
      Grazie del passaggio Cinzia :)

      Elimina
  10. FA-VO-LO-SA.. come sempre.. ogni ricetta tua mi conquista..
    per la golosità, per la salubrità, per l'attenzione alle dosi di grassi e zuccheri.. brava!

    RispondiElimina
  11. ha un aspetto invitantissimo!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fabiola, ricambio l'abbraccio!

      Elimina
  12. Una meraviglia questa crostata! Mi piace la tua frolla, la proverò!
    Un bacio
    Letizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere come ti viene... grazie Letizia!

      Elimina
  13. Tesoro tempo fa utilizzai questa frolla per dei biscotti ed é vero viene un impasto e una consistenza davvero eccezionale!!!! La tua cara oltre ad essere golosissima e anche una meraviglia per gli occhi!! Un bacio grande, Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero eccezionale... Grazie Imma!

      Elimina
  14. sembra delizioso.Grazie per questa ricetta
    http://restaau.it/Search/City/ristorante-torino.html

    RispondiElimina
  15. ho provato a farla qualche giorno fa, ma usando come ripieno le mele. l'impasto si lavora che è una meraviglia! io ho usato farina bianca normale però a me la crostata mi è venuta con consistenza "torta", non croccante :-( cotta è cotta, buona è buona, ma volevo chiederti se secondo te può essere che è venuta così a causa del ripieno (le mele erano cotte ma ovviamente sono piuttosto umide) o perchè dovevo cuocerla in modo diverso. magari la prossima volta provo con un ripieno di marmellata :-) appena scarico le foto te la faccia vedere...devo riprovarci :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa se rispondo adesso, ma non so perchè il tuo commento era finito tra gli spam.
      Non l'ho ancora provata con la farina normale, il farro la rende sicuramente più croccante, certo anche le mele hanno contribuito, hai messo lo zucchero di canna? Più è grezzo e più da croccantezza... prova a rifarla, vedrai che con questi accorgimenti il risultato sarà migliore. Fammi sapere e scusa ancora per il ritardo. :(

      Elimina
    2. ho comprato giusto ieri la farina di farro :-) lo zucchero era quello dell'altro mercato (muscobado mi pare) va bene? a breve la rifaccio :-)

      Elimina
    3. Ho quello zucchero in dispensa, non l'ho ancora provato ma penso che vada bene... allora aspetto di sapere come ti viene ;) Grazie Alice!

      Elimina
  16. Complimenti davvero...mi spieghi una cosa? come hai fatto a fare il bordo così bello, ondulato e perfetto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lorenza, è molto semplice, una volta farcita la crostata, stacchi il bordo delicatamente dalla teglia e lo porti in avanti fino a fargli toccare la farcia... Prova e fammi sapere! Grazie per i complimenti ♡

      Elimina

Grazie per essere passato/a... se provi le ricette o vuoi un parere, lascia un commento.