Friselle integrali o di semola di grano duro con lievito madre





Le friselle vengono prodotte in Puglia ma diffuse in Campania (fresella) e in Calabria (fresa). La forma a ciambella veniva fatta per esigenze di trasporto e conservazione, in passato infatti, venivano infilati con una cordicella attraverso il buco e annodati a collana, per poterli poi trasportare e appenderle in un luogo asciutto. Al momento del consumo vengono bagnate sotto il getto dell’acqua corrente e condite con pomodori, cipolla, basilico e altro secondo i gusti.


Friselle con farina di semola di grano duro rimacinata

Friselle integrali


Ingredienti
500 g di farina integrale bio macinata a pietra (oppure di semola di grano duro rimacinata o farina di orzo e grano)
140 g di lievito madre
300 g di acqua (o quella che assorbe la vostra farina)
1 cucchiaino di sale (o secondo i gusti)


Procedimento

In una ciotola (o nella planetaria) mettete la farina setacciata il lievito spezzettato e l’acqua che assorbe la farina che utilizzate, amalgamate prima bene il tutto, poi aggiungete il sale e continuate a lavorare l’impasto fino a renderlo liscio, formate una palla e posizionatela in un contenitore unto, coprite ermeticamente (o con pellicola). Lasciate lievitare in un luogo tiepido (28° circa) per 3 ore.

Rovesciate l’impasto sul piano di lavoro infarinato, tagliate delle strisce di impasto e ricavatene dei cordoni di circa 30 cm x 2 cm circa. Formate delle ciambelle unendo le due estremità e posizionatele ben distanziate in una teglia, coprite con un telo e fate lievitare fino al raddoppio. Infornate a 220°C per 15 minuti, abbassate a 180°C per altri 15 minuti circa. 

Estraete le ciambelle dal forno e con un coltello seghettato tagliate ogni ciambella ricavandone due metà. Riposizionare le mezze ciambelle nelle teglie e cuocete a 160°C per altri 30 minuti circa (regolatevi con il vostro forno, non devono dorare troppo). Conservate in barattoli con chiusura ermetica o scatole di latta.





11 commenti:

  1. ti sono venute stupendamente!!!Mia suocera me le ha portate belle che fatte dal Molise,però mi piacerebbe provare a farle visto il risultato!!
    bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale la pena farsele a casa, sono tutt'altro sapore, oltretutto sono abbastanza facile da fare!
      Grazie gwendy :)

      Elimina
  2. Che meraviglia! Io non le ho mai assaggiate ma devono essere davvero deliziose!!
    Complimenti *_*

    RispondiElimina
  3. che spettacolo!
    mi piacciono moltissimo!! appena rientrata dal salento con ancora in bocca
    il sapore delle friselle...proverò a farle! grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere come ti vengono.
      Grazie a te Chiara :)

      Elimina
  4. Dire che sono meravigliose sembra veramente poco. Adesso ne mangerei proprio una. Ti abbraccio Nahomi

    RispondiElimina
  5. buone,integrali non le ho ancora preparate le freselle d'estate non possono mancare,un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonissime ambedue le versioni.
      Grazie Paola :)

      Elimina

Grazie per essere passato/a... se provi le ricette o vuoi un parere, lascia un commento.