Brutti ma buoni al pistacchio



La ricetta classica provata un po’ di tempo fa, è stata presa dal libro “Frollini” di Maurizio Santin. Oggi ve la propongo rivisitata con i deliziosi pistacchi di Bronte, ma dopo l’esperienza scorsa ho voluto mettere un freno alla mia golosità, ho dimezzato la dose… Troppo “Buoni” e direi anche, per niente “Brutti”!





Ingredienti
(per una ventina di biscotti)
150 g di pistacchi di Bronte
125 g di zucchero di canna bio (il mio chiaro e sottile)
65 g di albumi bio (2 albumi)
i semi di mezzo baccello di vaniglia
un pizzico di sale


Procedimento

Montate gli albumi con lo zucchero, il sale e i semi di vaniglia, quando il composto sarà ben fermo, unite delicatamente con una spatola, i pistacchi leggermente tostati e tritati grossolanamente.

Mettete l’impasto in una pentola possibilmente antiaderente, io sotto la pentola ho messo uno spargifiamma e l'ho lasciato asciugare lentamente a fuoco basso per circa 15 minuti.

Con un cucchiaio formate dei mucchietti irregolari e adagiateli su una teglia rivestita di carta forno. Cuocete a 130°C per 25-30 minuti.

Nota

A vostro gusto potete utilizzare pistacchi e mandorle (o nocciole) al 50%.





11 commenti:

  1. Quel ripieno verde è una favola!!

    RispondiElimina
  2. Infatti a me non sembrano poi così brutti! Anzi, sembrano delle belle meringhe e dentro tutto quel pistacchio..gnam!

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo penso anch'io!
      Grazie Marco :)

      Elimina
  3. E questi possono essere preparati per i dolci doni natalizi che si possono fare con un po' di anticipo... i pistacchi di Bronte li ho grazie a te! :)
    Magari faccio al 50% con le mandorle... sono bellissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che al 50% con le mandorle siano perfetti! Vedo che ancora durano i pistacchi... Allora ce la puoi fare! Grazie ancora cara Barbara :)

      Elimina
    2. Me ne sono rimasti 200 grammi senza guscio, che ho messo in un sacchetto sottovuoto (ho la macchinetta)... li tengo da parte come se fosse oro. Le mandorle sono finite da un pezzo.
      Mi sono fatta due conti e con altrettante mandorle dovrebbero venire una cinquantina di dolcetti :)

      Elimina
    3. Esatto, circa cinquanta, dipende da quando li fai grandi... Molto utile la macchinetta del sottovuoto, ci devo fare un pensierino :)

      Elimina
  4. wow! sono in estasi ^_^ bravissima sara! me li segno...li trovo buonissimi!

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a... se provi le ricette o vuoi un parere, lascia un commento.