Focaccia senza impasto a lenta maturazione (No-Knead)



La ricetta della focaccia senza impasto l’avevo vista prima nel blog di Stefania, poi da Barbara e la voglia di provarla è stata sollecitata. Nella mia versione leggermente rivisitata, ho usato un grammo di lievito e una lievitazione maturata in frigo. In questo post vi mostro due focacce fatte con tempi e condimenti diversi: una con il rosmarino e 30h di lievitazione (in frigo) e l’altra con il pesto all’interno e 24h di maturazione, la prima l’ho farcita con prosciutto e mortadella. Ho fatto questo esperimento, per avere leggerezza e digeribilità... se poi decidete di accorciare i tempi, basta seguire la ricetta originale.

Focaccia con 30h di lievitazione
Focaccia con pesto al basilico e 24h di lievitazione
I tre passaggi di preparazione

Consistenza dell'impasto - Impasto dopo 30h di maturazione in frigo - Lievitazione in teglia


Focaccia senza impasto (No-Knead) a lenta maturazione
Versione con rosmarino
Ingredienti
300 g di farina 00 macinata a pietra
50 g di semola rimacinata
150 g di farina manitoba
300/310 ml di acqua (circa)
1 cucchiaio di olio extravergine
1 g di lievito secco
10 g di sale

Versione con pesto al basilico
Ingredienti
350 g di farina 00 macinata a pietra
150 g di farina manitoba
300 ml di acqua (circa)
2 cucchiai di pesto al basilico
1 g di lievito secco
10 g di sale


Per la superficie (*)
50 ml olio extravergine
50 ml di acqua
12 g di sale (io ne ho messo meno)
sale grosso macinato al momento q.b (il mio rosa dell’Himalaya)
rosmarino fresco tritato


Procedimento

Versate in una ciotola le farine setacciate e il lievito secco, mettete olio e l’acqua poco alla volta mescolando con una forchetta o un cucchiaio di legno. Aggiungete il sale e mescolate rapidamente. L’impasto dovrà essere molto idratato da girare con il cucchiaio. Ungete una ciotola di vetro, rovesciate l’impasto, ungete anche la superficie dell’impasto coprite e fate riposare in frigo per almeno 24h.
Riprendete l’impasto e rovesciatelo in una teglia unta, aggiungete un pò di olio anche sulla superficie dell’impasto e allargate con le mani fino a ricoprire tutta la teglia, mettete a lievitare nel forno spento per 1 ora circa o fino a che l’impasto non risulta ben lievitato, fate dei solchi con la punta delle dita unte d’olio senza rompere le bolle e senza spingere troppo se dopo cotta volete farcire la focaccia.
Preparate la salamoia, emulsionando acqua, olio e sale fino ad ottenere un liquido semidenso. Prima di infornare versate la salamoia, spolverate con rosmarino tritato e se preferite del sale grosso macinato. Infornate a 220°C per circa 20/25 minuti, nella tacca centrale del forno.

Note
La ricetta originale prevede 250 g di farina 00 e 250 g di di farina di manitoba, io ho diminuito la manitoba in tutte e due le focacce e solo nella focaccia al rosmarino ho messo un pò di semola rimacinata per renderla leggermente croccante, mantenendo sempre 500 g di farina totale. Potete variare i condimenti a vostro gusto.

Di solito uso la teglia rettangolare perchè non amo la focaccia troppo alta, ma se rientra nei vostri gusti, potete usarne una più piccola.

(*) Ho messo meno salamoia perchè la superficie dell’impasto era già oliata, ma se la preferite con più olio, mettetela tutta.

Buona preparazione!

31 commenti:

  1. Non so quale delle due versioni mi attira di più. So solo che me ne mangerei un bel pezzo anche subito!!! Massia resa minimo sforzo è la filosofia che preferisco :) Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  2. Davvero interessante questa ricetta a lenta lievitazione...Da provare sicuramente! Mi piace tantissimo quella con il rosmarino e sembra impossibile come un solo grammo di lievito la renda così soffice!! Un bacione cara!

    RispondiElimina
  3. stupende entrambe le versioni!!!!le segno!!!ciaoooooooooooo

    RispondiElimina
  4. che acquolina...meravigliose!

    RispondiElimina
  5. Bellissima!! Segno subito la ricetta!!!

    RispondiElimina
  6. Stasera la preparo per cuocerla domani sera, sono proprio curiosa di assaggiarla e mi piace non dover stare lì ad impastare più di tanto. Grazie!
    A presto!

    RispondiElimina
  7. Ho un debole per le lievitazioni, e la tua mi ispira particolarmente. Anni fa facevo sempre la pizza con lievitazione 48h, e veniva molto più digeribile. La tua prima foto mi fa venire una voglia incredibile di dare un morso a quella sofficità così piena di alveolature. Bravissima Sara!

    RispondiElimina
  8. perfetta direi oltre ad essere favolosa!

    RispondiElimina
  9. Per una fissata come me per tutto ciò che è "senza impasto"...non posso non provarla :))
    Un abbraccio e buona giornata !

    RispondiElimina
  10. Due versioni meravigliose ma la cosa che mi attira di più è l'assenza di impasto! Copiata e la provo subito!
    bacioni
    Alice

    RispondiElimina
  11. E la miseria che risultato strepitoso!!! è piena di buchi!!!!!!! baci e buona giornata .-)

    RispondiElimina
  12. wow.. ha più alveoli che pasta!! immagino che leggerezza.. e buona di sicuro, da farcire.. o anche mangiata così, in purezza.. sono sicura la divorerei!!
    baciii

    RispondiElimina
  13. Non so che dire se non che l'assaggerei proprio volentieri!

    RispondiElimina
  14. Bellissima da provare anche questa versione!! bravissima un bacione Anna

    RispondiElimina
  15. Devo assolutamente provare questo impasto.Perche la focaccia e cosi come piace a me!

    RispondiElimina
  16. Queste focacce sono fantastiche! Mi segno assolutamente le ricette!

    RispondiElimina
  17. Ha un aspetto meraviglioso, spero di avere il tempo di provare la tua versione a lenta maturazione che deve essere ancora più buona dell'originale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che non ti deluderà!
      Grazie Stefania! ;-)

      Elimina
  18. davvero invitante..sono le dosi di quella di Locatelli,piu' o meno..questa lunga lievitazione pero' le conferisce un aspetto magnifico!!complimenti :))

    RispondiElimina
  19. Brava! La trovo perfetta perchè ha pochissimo lievito. Inoltre mantiene la sua caratteristica: la semplicità di esequzione.
    Quindi la tua versione è utilissima in caso la si "programmi" prima, quella di Stefania in caso si abbia voglia di mangiarla a poche ore di distanza.
    Anch'io, grazie al tuo suggerimento tramite email, ho messo meno manitoba ogni volta che l'ho rifatta.
    La versione con il pesto al basilico, in questo periodo, è strepitosa! Chissà che profumo :o)
    Grazie Sara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho fatto l'impasto. 30 ore di lievitazione per la focaccia del sabato sera! :D
      Se tutto va bene sarà l'ultima volta che userò il forno rotto!

      Elimina
    2. Spero che il vostro sarà un bell'addio! :D
      Fammi sapere come ti viene! ;-)

      Elimina
    3. E' venuta perfetta! Un po' più alta per via della teglia usata (la focaccia la faccio tonda perchè piace a mia nipote).
      Quando ho detto che ho usato 1 g di lievito secco hanno avuto difficoltà a credermi.
      Anch'io meno salamoia, va benissimo lo stesso!
      Grazie Sara perchè è un'ottima soluzione per usare pochissimo lievito di birra secco!

      Elimina
    4. Sono contenta che ti sia venuta bene, ma soprattutto che vi sia piaciuta.
      Grazie a te Barbara!

      Elimina
  20. E' perfetta!!! Troppo buona!!!!!

    RispondiElimina
  21. Questa focaccia ha un aspetto meraviglioso, complimenti, bellissime anche le foto!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  22. Una focaccia ben alveolata, bravissima :)

    RispondiElimina
  23. è bellissima la tua focaccia e sicuramente molto piu' digeribile..brava...mi sono aggiunta ai tuoi followers se ti va passa anche da me ^_^

    RispondiElimina
  24. Stupende entrambe le versioni, le assaggerei molto volentieri!
    Un bacione

    RispondiElimina
  25. che meraviglia, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  26. arrivo tardi, ma arrivo. impasto strepitoso! me lo segno proprio!

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a... se provi le ricette o vuoi un parere, lascia un commento.