Palline morbide e croccanti al cocco... di Maurizio Santin


 Ogni volta che entro in libreria mi faccio prendere dall’entusiasmo e non riesco ad uscire mai a mani vuote. Cosi qualche giorno fa, alla fine della mia esplorazione, mi sono ritrovata con l’ultimo libro di Maurizio Santin in confezione di latta e stampini annessi, molto carini ma non proprio indispensabili visto la quantità che mi ritrovo in casa. Questa di oggi è una delle deliziose ricette, del libro citato “Frollini”, la preparazione è molto facile e in pochissimo tempo si ricavano delle morbidissime e croccanti palline di cocco.





Ingredienti
120 g di albumi
300 di zucchero (il mio di canna chiaro bio*)
300 g di farina di cocco
zucchero a velo per decorare

Procedimento
Mescolate tutti gli ingredienti a bagnomaria con una spatola e, una volta raggiunta la temperatura di 50°C, lasciate intiepidire, prelevate un pò di impasto (bagnatevi prima le mani) e formate le palline facendo ruotare l'impasto tra le mani. Adagiatele su una teglia rivestita con carta forno e cuocete a 200°C fino a colorazione. la temperatura elevata renderà l’esterno croccante e morbido l’interno.
Io ho fatto metà dose ed ho ottenuto 20 biscotti/dolcetti. Si conservano bene in scatole di latta.

Nota
(*) Io uso uno zucchero di canna semolato, questo... lo trovo ottimo in tutte le preparazioni.

Zucchero di canna grezzo semolato (biologico)

Buona preparazione!



32 commenti:

  1. La perfezione di quelle sfere coccolose è impressionante! E di sicuro anche la loro bontà :D! Me le sto giù pregustando. Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  2. Sono bellissime, brava.

    Ora mi tocca comperare il libro....

    Buon inizio settimana

    RispondiElimina
  3. davvero interessante questo dolcetto....ottimo per le feste!
    bacioni cara

    RispondiElimina
  4. In di diverso metto l'uovo intero.. ma devo provare questa ricetta!! Bacioni e buona giornata .-)

    RispondiElimina
  5. Ma sono stupendi tesoro ed ho giusto un po di albumi da utilizzare mi sa proprio che li preparo oggi stesso!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  6. Eccoleeee! Mamma mia che sfere perfette... bravissima Sara :)
    Queste le rifaccio (sicuramente)e le dono alla mia amica a Natale insieme al libro che citi... forse (mi riferisco al libro)!
    Si conserveranno anche, ma io non credo proprio che durino tanto ;)

    RispondiElimina
  7. Una bella ricetta per utilizzare gli albumi in più ed è anche veloce da fare! Una bella ricetta, grazie.

    RispondiElimina
  8. Ma che splendore hai creato?????? Queste le preparo appena riesco e come ti sono venute così perfetta, Sara sei un portento!!!!! Baci

    RispondiElimina
  9. Golosissimi segno pure questa , adoro il cocco!! bravissima buona settimana!!

    RispondiElimina
  10. che palline deliziose!!!!! voglio la sonda per la temperatura!!! scrivo a babbo Natale;-)

    RispondiElimina
  11. mi sono regalata anch'io questo libro! che belle le avevo adocchiate anch'io da fare!
    ti sono riuscite pure più belle delle sue!! baciiiiiiii

    RispondiElimina
  12. cocco: ce l'ho;
    albumi: hai voglia, ne ho a kg!
    zucchero di canna: ce l'ho...
    ricetta da aggiungere alla lista dei dolcetti natalizi!
    grazieeee!

    RispondiElimina
  13. Sono perfette :) Troppo brava Sara!

    RispondiElimina
  14. Li ho sempre fatti con la farina di mandorle ma col cocco saranno proprio deliziosi, magari immersi a metà nel cioccolato fuso.....che goduria!

    RispondiElimina
  15. Che belle e invitanti, si vede che sono morbidissime!
    Quel libro mi piace troppo, voglio provare tutte le ricette :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  16. Il cocco c'è sempre nella mia dispensa e ultimamente l'ho usato un bel po'.
    Ricetta facilissima e sicuramente da fare. Complimenti.

    RispondiElimina
  17. belle queste pallottole, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  18. che belle che sono Sara e il cocco mi piace moltissimo...un abbraccio

    RispondiElimina
  19. sono perfettamente uguali, ma come hai fatto?!
    golose le devo provare assolutamente:)
    bacioni
    Alice

    RispondiElimina
  20. Bellissime!!Davvero complimenti, tutte perfette!

    RispondiElimina
  21. ciao,ho appena fatto questi dolcetti ma dopo un sacco di tempo che erano a bagnomaria non hanno raggiunto per niente il calore,mi sono stancata e li ho infornati lo stesso.mi chiedevo se ho sbagliato a mettere l'impasto in una ciotola di acciaio,mi dici dopo quanto tempo raggiunge i 50 gradi,più o meno?Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, anch'io per il bagnomaria uso una ciotola di acciao, non capisco perchè i tuoi non anno raggiunto i 50°, non ci vuole molto... non ti so dire in quanti minuti dipende da come gli arriva il calore... comunque serve solo per amalgare tutti gli ingredienti ed avere la giusta consistenza... per formare le palline ti devi bagnare le mani e fai ruotare con una leggera pressione un cucchiaino di impasto. Ti assicuro che sono facilissime da fare... non mi dici però come ti sono venute una volta infornate. Fammi sapere!

      Elimina
    2. ciao,sono venute bene solo troppo dolci,la prossima volta calerò lo zucchero sicuramente,grazie, Anna

      Elimina
    3. Ok Anna, mi fa piacere... riguardo allo zucchero è questione di gusti, io ho messo la dose esatta della ricetta, ma avendo usato quello di canna forse si può diminuire leggermente. Grazie per essere passata a dirmelo! Buon week-end :)

      Elimina
  22. Ciao, per favore spiegami meglio il passaggio del bagnomaria. Inizio ad acqua fredda? E se non dispongo di un termometro devo arrivare al bollore? E anche io ti chiedo, più o meno per quanto tempo. Grazie. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, per il bagnomaria metti sul fuoco una pentola con acqua fredda, appoggia sopra la ciotola con gli ingredienti e mescolali con una spatola fino a raggiungere la temperatura, il composto sarà caldo ma non bollente. Fai intiepidire e con la mani umidi forma le palline. Fammi sapere come ti vengono, se ti va inviami la foto, te la inserisco nella pagina "rifatte da voi". Ciao :)

      Elimina
    2. Ok, secondo te siccome non ho il termometro l'acqua sotto deve bollire? Grazie.

      Elimina
    3. L'uso del termometro è per il composto, puoi anche regolarti senza, mentre l'acqua sotto deve bollire senza toccare la ciotola del composto. Fammi sapere :)

      Elimina
    4. Grazie, sei gentile. Avevo il sospetto che non dovesse toccare l'acqua... Per la cottura 200 gradi sono tanti Non vorrei che le scurisse troppo, tu li hai cotti così o un po' più basso? Ciao.

      Elimina
    5. Visto che sei così gentile ti posso chiedere se mi dai la ricetta tratta dallo stesso libro degli occhi di bue, perché in rete c'è ma non riesco a capire il dosaggio delle varie farine. Se preferisci ci possiamo sentire via email

      Elimina
    6. Io li ho cotti così, li devi togliere dal forno appena si dorano.
      Per la ricetta che chiedi manda una mail. Ciao, a presto!

      Elimina

Grazie per essere passato/a... se provi le ricette o vuoi un parere, lascia un commento.