Pancarrè con Tang Zhong


La ricetta di questo pancarrè l’ho vista da Anna che ringrazio tanto per avermela fatta conoscere ;), lei l’aveva vista qui. Questo pane si fa con una tecnica cinese molto antica, mescolando cinque parti di acqua e una parte di farina. E’ un pane adatto per la colazione, è molto soffice e mantiene a lungo la freschezza. Io ho preferito mischiare tre tipi di farina per dargli più consistenza e ho diminuito lo zucchero per poterlo gustare anche con il salato.





Ingredienti
Per il Tang Zhong
125 g. di acqua
25 g. di farina


Per l'impasto

480 g. di farina manitoba
(Io 200 g di farina 0, 180 g di farina manitoba, 100 g di semola di grano duro)
120 ml. di latte
130 ml. di acqua
40 ml. di olio
20 g. di zucchero (io 10 g di zucchero di canna)
5 g. di lievito in polvere o mezzo cubetto di quello fresco (io 4 g Secco)
8 g. di sale (io 5 g)
130 g. di Tang Zhong (il ricavato dell'impasto 125 g circa)


Procedimento

Per il Tang Zhong: in un pentolino mescolate la farina mettendo l’acqua un pò alla volta, mettete sul fuoco e continuate a mescolare fino a che l’impasto avrà raggiunto i 65° (2 minuti e mezzo circa) e una consistenza gelatinosa di colore traslucido. Spegnete, mettetelo in una ciotola e coprite facendo aderire all'impasto la pellicola per alimenti. Si conserva in frigorifero per 3 giorni.

Per l’impasto del pane ho messo tutti gli ingredienti nella planetaria (compreso il Tang Zhong) tranne olio e sale. Impastate fino ad ottenere un composto liscio ed elastico, aggiungete il sale, versate l’olio in due volte, continuate a lavorare bene l’impasto e mettere a riposo per 30 minuti. Riprendete l’impasto e formate un rettangolo, procedete piegando i due lati destro e sinistro uno sull’altro per un terzo del rettangolo, girate l’impasto e ripetete le pieghe.

Stendetelo ancora, arrotolatelo formando un cilindro e posizionatelo in uno stampo da plum cake. Lasciate lievitare fino al raddoppio o fino a quando non abbia assunto la classica forma da pancarrè (se avete fretta mettetelo nel forno spento a luce accesa). Infornate a 180° per 30 minuti.





47 commenti:

  1. wow una tecnica cinese per un pane decisamente soffice coem una nuvola..mi hai tentato devo provarlo!!bacioni Imma

    RispondiElimina
  2. Un impasto che incuriosisce, ma visti i tuoi spettacolari risultati... da provare, complimenti Sara, da l'idea di essere davvero molto molto soffice!!

    RispondiElimina
  3. interessante procedimento!!ha un aspetto sofficissimo!!

    RispondiElimina
  4. Io l'avevo salvata tempo fa da qui ma ancora ho avuto il tempo di provarlo. A questo punto devo proprio farlo, sono sempre più curiosa perchè sembra davvero una piuma. Un bacione

    RispondiElimina
  5. ciao ha una consistenza perfetta bellissimo, complimenti, puo' servire a molti usi, io faccio i sormonte' con questo pane, grazie per la ricetta la copio subito, baci rosa a presto buona giornata.)

    RispondiElimina
  6. E' tanto che voglio provare questa ricetta ti è venuto benissimo brava ciao

    RispondiElimina
  7. E' perfetto cara!! Da provare sicuramente!! Bravissima! Un bacione.

    RispondiElimina
  8. Sara, tu non ci crederai, ma l'altro ieri, girovagando in rete, sono finita su un blog.. non ricordo se spagnolo o inglese, comunque c'era la ricetta di questo impasto! Usando il traduttore non avevo ben chiare le dosi ma avevo intuito fosse una sorta di besciamella.. ^_^ avevo lasciato la scheda di quella pagina aperta per tornare in un secondo momento ma poi... ieri il pc mi si è spento all'improvviso e non l'ho più trovata.. (cercare nella cronologia era peggio che un ago nel pagliaio data la mia attività!!!)
    Ed ora... tu mi pubblichi questo post e a me sono quasi venuti i lacrimoni dalla gioiaaaaaaaa!!!!!
    Ahahaha grazie grazie grazie!!! Ti salterei al collo! Ora so che non la perderò più!!

    RispondiElimina
  9. l'avevo visto e segnato, è proprio da fare!!bravissima!

    RispondiElimina
  10. caspita, è sofficissimo!!!
    mi piacerebbe provarlo, dici che è possibile impastare con le mani, o è un'impresa ardua???
    mio marito non mi ha ancora regalato la planetaria :(((
    bacioni

    RispondiElimina
  11. sono veramente sbalordita, un pane strepitoso!

    RispondiElimina
  12. l'avevo già notato da qualche parte... la tua conferma in più capita a fagiolo. Secondo te c'è differenza tra quello tradizionale e questo con la tecnica cinese?
    Forse in fatto di conservabilità o morbidezza?
    Ho visto che hai cambiato look al tuo blog, davvero molto carino! Un bacio e a presto!

    RispondiElimina
  13. uauuu sofficissimo e stupendo!!! bravissima

    RispondiElimina
  14. Sara è stupendo questo tuo pancarrè , proverò la tua versione!!
    Bravissima sono contenta che ti è piaciuto!!Complimenti !!
    Grazie per gli Auguri
    Un bacione Anna

    RispondiElimina
  15. Sono molto incuriosita, non conoscevo questa preparazione e sembra davvero così aerea e leggerissima. Come risponde nei giorni successivi? Lo conservi in una scatola o in un sacchetto di carta e plastica? (non credo che a casa mia durerà più di un giorno, ma non si sa mai): Brava, un salutone, Pat

    RispondiElimina
  16. Questa tecnica l'avevo vista qualche tempo fa in un blog.. nopn ricordo.. cmq t'è venuto benissimo.. si vede che è sofficissimo!!!! smackkk .-)

    RispondiElimina
  17. Che meraviglia, sembra molto soffice. Un saluto.

    RispondiElimina
  18. ti é venuto una meraviglia,appena ho tempo lo provo anche io.
    Baci Francesca

    RispondiElimina
  19. e proprio interessante e nn la conoscevo questa tecnica. la proverò, grazie!

    RispondiElimina
  20. E'davvero un pane meraviglioso,poi con questa ricetta molto interessante,la provero'appena possibile.
    Un abbraccio e buona serata.
    Fausta

    RispondiElimina
  21. Ti è venuto benissimo, brava, complimenti. Grazie per aver fatto una mia ricetta. Il tang zong l'ho trovato nel blog di Hilmar che è una regina dei lievitati, la ricetta del pan carrè invece è mia. Con questo metodo ho fatto anche pane casereccio e brioche.

    RispondiElimina
  22. Sara, hai fatto una meraviglia, complimenti, un bacione.

    RispondiElimina
  23. che pane splendido, non conoscevo questi tipo di impasto e me lo segno! è perfetto per i pic nic e per la colazione!

    RispondiElimina
  24. Davvero interessante, una tecnica che non conosco. Sembra soffice e buonissimo, da provare assolutamente, adoro le innovazioni. Bacioni. Deborah

    RispondiElimina
  25. Che meravigliaaaaaa, sembra finto tanto è strepitoso, bravissimaa, complimenti, non sarò mai alla tua altezza. Baci, baci
    M.G.

    RispondiElimina
  26. Io il pane in casa non ho mai provato a farlo perché so che combinerei un disastro e quando ne vedo uno così ben riuscito come il tuo provo un'ammirazione immensa per le mani che gli hanno dato vita :-) Complimenti davvero!

    RispondiElimina
  27. @Imma
    @Barbara
    @Mirtilla

    @Federica, ho visto il link che citi, il prossimo lo proverò con il lievito madre, grazie! Un bacione!

    @Rosa
    @Stefania
    @Manuela

    @Yaya, ti capisco benissimo e sono contenta ti esserti stata utile ;)) Grazie! Un abbraccio carissima!!!

    @Federica

    @Caia, non so se si può fare ma se ci provi comincia ad impastare in una ciotola e versa l'acqua mano mano che si assorbe la farina perchè l'impasto è molto morbido, una volta ottenuto l'impasto lo potrai lavorare sulla tavola, ricordati di mettere sale e olio per ultimi... in bocca a lupo! Grazie! Baci

    @sulemaniche

    @Fausta, credo che la differenza stia nella consistenza più soffice, nella genuinità visto l'assenza di conservanti e credo anche che si mantenga fresco più a lungo... l'unico difetto è il fatto che rimane un pò sbricioloso, la prossima volta voglio provare a sostituire del tutto la farina di manitoba. Grazie anche per i complimenti al mio vestitino nuovo ;))) baci!

    @ValeVanilla

    @Anna, grazie a te per avermi fatto conoscere la ricetta. Tantissimi auguri di buon compleanno! Baci

    @Patty, io l'ho conservato in un sacchetto per alimenti. Grazie! Baci

    @Claudia
    @Fra@
    @Fancesca
    @Cinzia
    @Mousse

    @Briosse, grazie per la ricetta!

    @Mariacristina
    @Ely
    @Deborah

    @Picetto, che dici... prova, non è difficile, sono sicura che ce la faresti! Bacioni

    @Lucia, Prova a farlo, sono sicura che non faresti disastri, dare vita ai lievitati è davvero una grande soddisfazione! Bacioni

    Grazie a tutti! Baci

    RispondiElimina
  28. Ho visto anch'io la ricetta da Anna e vorrei replicarla.
    Ti è venuto proprio bello e poroso.
    Deve essere buonissimo.
    Baci.

    RispondiElimina
  29. è sofficissimo!!! complimenti!
    mi segno questa particolare ricetta, baci

    RispondiElimina
  30. mi incuriosisce questa ricetta, me la segno, voglio provarla anch'io... la foto è bellissima!

    RispondiElimina
  31. Brava, ti è venuto una favola!

    RispondiElimina
  32. @Natalia
    @Puffin
    @Micaela
    @Patty

    Grazie ragazze siete tutte molto care!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  33. Congratulazioni! Sono felicissima abbia vinto anche tu, la tua ricetta meritava e sarebbe stato un peccato non farla partecipare!
    Bravissima!
    Ottimo anche questo pancarrè, guarda che c'è l'altro contest sulla manitoba, scade il 30! :)
    Ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  34. Grazie. http://calogeromiracucinaericette.wordpress.com

    RispondiElimina
  35. devo proprio provarlo,mi incuriosisce
    ha un aspetto invitantissimo..
    complimenti!!

    RispondiElimina
  36. Ciao cara, ho fatto la tua brisèe all'olio. Favolosa!
    Ti ho linkato nella ricetta delle quiche di oggi, riportando la tua ricetta.
    Potevo?? Fammi sapere.

    RispondiElimina
  37. une méthode que j'ai déjà essayé, elle donne un excellent résultat
    bravo et bonne journée

    RispondiElimina
  38. Mi hai tentato. Lo proverò di sicuro

    RispondiElimina
  39. ricetta molto interessante... grazie.

    RispondiElimina
  40. ti è venuto sofficissimo,braba,baci

    RispondiElimina
  41. @Dana, grazie mille sei molto gentile, ho seguito il tuo suggerimento anche su quest'altro contest, non si sa mai ^__^ Un abbraccione!

    Grazie a tutti!!!

    RispondiElimina
  42. Foooorte! Vuoi che prima o poi io non provi a seguire questa tecnica antica? Sono per "Impara l'arte e mettila da parte" che non si sa mai :D
    Bravissima Sara! Hai fatto bene a mostrarci anche come dev'essere il Tang Zhong :)

    RispondiElimina
  43. Ti dirò che ieri ho fatto anche io una sorta di pancarrè---ma ho fallito miseramente....non ti dico che invidia vedere le tue foto!:))
    buon week end!
    Barbara

    RispondiElimina
  44. interessante tecnica per un pane che mi ispira molto.. mai assaggiato ma sono curiosa!

    RispondiElimina
  45. @Barbara, ^__^ Anche a me piace molto quel detto, ne faccio sempre tesoro!!! Grazie, ci sentiamo presto! baci

    @Barbara, come ti capisco... quando i miei esperimenti non riescono mi viene lo sconforto ma non mi arrendo, riparto con più grinta di prima... vedrai che il prossimo sarà un successo! Grazie, baci

    @Passiflora, Grazie, baci

    RispondiElimina
  46. Molto interessante e originale questo pane non l'avevo mai visto, sei stata bravissima e hai ottenuto un risultato strepitoso, davvero complimenti!

    RispondiElimina
  47. eeeee voilà :-) http://coffeeechocolate.blogspot.it/2014/05/pancarre-con-tan-zhong.html
    ti sto tormentando con i pani ultimamente. non è colpa mia, ma nel tuo blog ci sono un sacco di ottime ricette. complimenti :-) :-) :-)

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a... se provi le ricette o vuoi un parere, lascia un commento.