Grissini torinesi stirati delle “Sorelle Simili”





Il mio lievito Madre (Il Bimbo)

Era da un pò che pensavo di fare il lievito naturale, ma non osavo cominciare, mi sembrava molto complicato da fare e quindi non mi sentivo all'altezza, ma con la ricetta delle “Sorelle Simili” non è stato poi così difficile. Se avete pazienza, costanza e passione per la panificazione, vi consiglio di provare, è una bella soddisfazione farsi il pane in casa. Oggi non vi do la ricetta del lievito che trovate comunque nel libro “Pane e roba dolce” e  anche in giro per il web con tutto il procedimento, ma vi propongo questi grissini (sempre delle famose sorelle) che ho provato a fare già dal 5° rinfresco. Vi lascio la ricetta originale e quella che ho fatto io con il lievito naturale.


Grissini torinesi stirati delle “Sorelle Simili”
Dosi con lievito di birra
Ingredienti
500 g di farina 00
250-280 g di acqua
15 g di lievito di birra
8 g di sale (un cucchiaino colmo)
50 g olio di oliva
1 cucchiaino raso di malto d’orzo
farina di semola di grano duro
altro olio per pennellare


Dosi con lievito naturale
Ingredienti
300 g di farina 00
200 g di lievito madre
6 g di sale (un cucchiaino colmo)
40 g di olio
125 g di acqua
1 cucchiaino raso di malto
farina di semola di grano duro
altro olio per spennellare


Procedimento

Fare la fontana, amalgamare al centro tutti gli ingredienti e impastare battendo per 8-10 minuti. l’impasto deve essere non troppo morbido. Fate un filone e stenderlo in un rettangolo di circa cm 30 x 10, mantenendo la forma più regolare possibile, appogiarlo su uno strato di farina di semola di grano duro, pennellare abbondantemente con olio di oliva la superfice ed anche i lati e cospargere il tutto con altra semola. Coprire a campana e lievitare 50/60 minuti. Con un coltello a lama alta o con una grande spatola tagliare dal lato corto dei bastoncini larghi circa un dito, senza smuovere troppo la pasta afferrarli al centro con le dita e assottigliarli tirandoli delicatamente e spostando contemporaneamente le dita verso l’esterno mano mano che la pasta si assottiglia. Disporli sulla teglia un poco distanziati e regolarli con le dita per uniformare lo spessore dei grissini. Se prendete troppa pasta e il grissino risulta troppo lungo, tagliatelo al limite della teglia, e il pezzetto che vi rimane cuocetelo così come è poichè non è possibile reimpastarlo. Mettere subito in forno a 200° per 18-20 minuti circa.


Il mio primo pane con Lievito Madre al 9° rinfresco


Ingredienti

600 g di farina semola di grano duro rimacinata
300 g di farina manitoba
500 di lievito madre (la dose eccessiva è dovuta al lievito ancora troppo giovane per panificare)
500 ml (circa) di acqua
sale


Il procedimento del pane lo trovate qui
A me già dal 9° rinfresco è sembrato buono, figuriamoci dopo che sarà... vi farò sapere!



Buon Anno!!!

27 commenti:

  1. Anche io è da un po' che penso di provare a fare il lievito madre. Vedendo i tuoi risultati penso proprio che lo farò!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao cara!! I grissini e il pane sono strepitosi!!! Ma il tuo lievito madre è favoloso, si vede proprio che lo accudisci come un bimbo! Complimentoni! Un bacione.

    RispondiElimina
  3. ma... non ci posso credere!
    E pensare che a me veniva una roba informe, di colore grigiastro impossibile a colorirsi in cottura, per nn parlare del gusto, di un'acidità impossibile da descrivere.
    Bah, continuo a non capire cosa sbagliavo con 'sta pasta acida, dono di una carissima amica, corredata di amorevoli istruzioni per uso e mantenimento..
    Questo pane è meraviglioso, per non dire dei grissini! Brava Super ;)

    RispondiElimina
  4. Bravissima!! anche io avevo il lievito madre ma quest'estate l'ho dovuto regalare.. era impossibile accendere il forno per il caldo :( ha un gusto buono vero!! quanto mi mancano i rinfreschi :( vorrà dire che vedrò le tue squisitezze ^_*
    Un bacione cara
    Anna

    RispondiElimina
  5. Anche tu seguace delle Simili. Sarà la volta buona che provo i grissini ma senza lievito madre. Non curo il "bimbo", nel periodo scolastico non riesco a seguire altri che quelli che ho a scuola. Auguri per un buonissimo 2011! Con un abbraccio, Dana

    RispondiElimina
  6. Wow che meraviglia!! sfiziosissimi!! Complimenti e felice anno nuovo!

    RispondiElimina
  7. Dico solo MERAVIGLIA delle MERAVIGLIE! Il tuo lievito è uno splendore e pane e grissini non potevano essere da meno. Io non sono proprio tagliata per il "bimbo". Un bacione e tantissimi auguri di buon anno

    RispondiElimina
  8. se dovessi scegliere cosa assaggiare tra i grissini e il pane sarei davvero in difficoltà, ti sono venuti benissimo, ti dico solo che mi hai fatto venire voglia di pane... sei troppo brava!!!!

    RispondiElimina
  9. La pasta madre è una sorta di magia! ho preso poco tempo fa un libro solo sulla pasta madre ed è favoloso!!!!!!!I tuoi grissini mettono fame!

    RispondiElimina
  10. Aaaahhh! Come sono contenta! Hai messo la ricetta con il lievito naturaleee! Grassie!
    Bellissimi!!!
    Appena è pronto li faccio :o)

    RispondiElimina
  11. complimenti per aver creato da te la pasta madre:D

    RispondiElimina
  12. Tantissimi Auguri per un felice 2011!1
    con affetto Anna

    RispondiElimina
  13. ciao e grazie per essere passata dal mio blog, complimenti per il blog e tanti auguri di buon anno!

    RispondiElimina
  14. ciao sar@!! piacere di conoscerti, hai davvero un bel blog, foto meravigliose! Ho visto il tuo tronchetto e mi hai dato l'idea per il dolce di capodanno, ho gente a pranzo....era un pò che non lo facevo!
    Un saluto e un augurio di buon anno
    silvana

    RispondiElimina
  15. non riesco a mettermi tra i seguitori, oggi il computer fa i capricci, riproverò...

    RispondiElimina
  16. ciao sara bellissimo il lievito madre, sembra una creaturina vivente, complimenti per i grissini, anch'io ogni tanto facevo il pane ma ho sempre usato lievito normale, provero' questo grazie, buon annoooo rosa!!!

    RispondiElimina
  17. Ciao, Tantissimi Auguri di Buon Anno, Felice 2011!!!
    Baci.

    RispondiElimina
  18. Laura: te lo consiglio!
    Manuela: grazie!
    Cinzia: prova la ricetta delle "Sorelle Simili"
    Anna, Dana, Nel cuore dei sapori, Federica, Caia, Chiara, Barbara, Genny, Mamanluisa, Silvana, Rosa, Betty: Grazie a tutti della visita e un Felice anno 2011 ^__^

    RispondiElimina
  19. Happy New Year ♥
    Moltissimi Auguri
    per uno splendido 2011

    RispondiElimina
  20. Ti auguro un buon 2011
    Tanti baci e buona serata
    Angelica

    RispondiElimina
  21. Alloraaaa! Ero venuta da te per cercare la ricetta dei crackers, magari con il lievito madre, magari con l'olio E.V.O.
    Non l'ho trovataaa! Sara, Saruzza bedda, ce li fai quando hai tempo e se hai voglia?
    Senza fretta eh!
    Intanto proverò, appena possibile, questi grissini.
    Li conosco già, ma questa volta con il lievito madre fresco.
    Che tu li faccia o no ti voglio bene lo stesso :-)

    RispondiElimina
  22. Barbaraaa! Ma come faccio a dirti no... mi organizzerò, anche perché è un pò che ho in mente di farli... me li studio e poi ti farò sapere!
    Sei troppo carina Barbara! Un bacio grandissimo ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beneeeee! Allora ti ci voleva una piccola spinta per trasformare l'intenzione in fatto! Hihihi
      A parte gli scherzi, ciò che tu prepari e proponi è certo, come la notte segue il giorno* che si tratta di una ricetta gustosamente sana!
      In ogni caso, grazie a te ♥

      * Vedi Amleto

      Elimina
  23. Sei troppo gentile Barbara! Non cantiamo vittoria, vediamo cosa ne viene fuori... ti terrò informata! A prestissimo ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Sara, vediamo...
      ♥Grazie♥
      Buonissima domenica!

      Elimina
  24. http://www.dipastaimpasta.it/2012/02/crackers-alle-erbe-con-lievito-madre-e.html

    RispondiElimina
  25. Io ho fatto la "madre" da solo con farina, acqua e bucce di patata 3 anni fà ,lo rinfresco ogni 7/10 giorni (tenendolo in frigo) e mi dà sempre ottimi risultati.
    Quindi non c'è bisogno di rinfrescarlo ogni paio di giorni.
    Ho sentito di gente che dopo 20 giorni lo copre con acqua ,lo filtra e lo fà ripartire,quindi pure chi non ha tempo può allevare il "bimbo"

    RispondiElimina

Grazie per essere passato/a... se provi le ricette o vuoi un parere, lascia un commento.