Pitta di patate salentina (quella vera)




E pensare che ancora non conoscevo questa meravigliosa ricetta... quando l’ho vista da Lucia, mi ha subito conquistata, ho solo aspettato di avere gli ingredienti giusti ed eccola qua, la vera pitta di patate, bella e come d’altronde mi aspettavo buonissima. Io golosa come sono, mi sono organizzata per una dose e mezza, praticamente per un reggimento... l’ho preparata con un pochino di anticipo e gustata appena tiepida, una goduria! Ringrazio tantissimo Lucia per i consigli e per aver condiviso la ricetta originale. Vi rimando nel suo blog, dove nel suo bellissimo post, racconta la storia di questo piatto salentino tradizionale.




 (di Lucia)
Ingredienti
1 kg di patate a pasta gialla
1 uovo grande
200 g di pecorino salentino ben stagionato
mentuccia
un pugno di pane grattugiato
400 g di cipolle dorate
400 g di polpa di pomodoro fresca (meglio di pomodori San Marzano)
una manciata di olive salentine in salamoia
un cucchiaio di capperi sott’aceto
olio extravergine di oliva q.b.
sale


Procedimento
Lavate le patate, mettetele in una pentola, copritele di acqua fredda e fatele cuocere per circa un’ora. Pelatele e passatele finchè sono ancora calde, poi lasciatele raffreddare. Nel frattempo preparate il sughetto. Affettate sottilmente le cipolle e fatele dorare a fuoco basso, assieme ad una generosa dose di olio extravergine di oliva (preferibilmente del Salento). Dopo una decina di minuti (occhio: le cipolle non devono assolutamente bruciare, tenete la fiamma al minimo e, se occorre, bagnate il soffritto con un goccino di acqua calda) unite la polpa di pomodoro, un pizzichino di sale e continuate la cottura fino a restringimento del sughetto. Poco prima di finire la cottura gettate nella padella capperi e olive snocciolate. Quando sugo e patate saranno freddi, iniziate a “comporre” la pitta. Alle patate precedentemente passate aggiungete l’uovo intero, il formaggio, poco sale, un paio di cucchiai di sughetto preparato (serviranno per dare colore), una fogliolina di mentuccia spezzettata. Impastate il tutto senza indugiare (ricordate che non state facendo un purè!). Ungete una pirofila antiaderente e stendetevi sul fondo la metà dell’impasto in uno strato non troppo alto, sul quale verserete la cipollata. Coprite con un altro strato di patate (un trucchetto per eseguire quest’operazione al meglio: bagnatevi le mani!) poi ungete la superficie di olio (io a questo punto mi sono divertita a decorarla, facendo delle strisce con i rebbi di un forchettone, giusto per lasciare la mia impronta... ;) e completate con una spolverata di pane grattugiato. Infornate a 200°C fino a doratura (nel mio forno ci sono voluti 30’). La pitta si gusta tiepida o meglio ancora fredda.







44 commenti:

  1. Ciao Sar@,
    complimenti che spettacolo!
    Un bacio cara!
    Antonella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo fatta io la settimana scorsa e finita in due giorni oggi la sto tornando afare e una squisitezzaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

      Elimina
    2. Dalla serie, non ci si stanca mai di mangiare le cose buone :D mi fa piacere!!!
      Grazie Giovanni! :)

      Elimina
  2. l'ho fatta pure io la settimana passata, presa da Ornella che l'aveva presa da Lucia, non l'ho postata, ma l'ho mangiata, è strepitosa....

    RispondiElimina
  3. Quella teglia è ipnotica, la rigatura perfetta fa un effetto bellissimo :) E mette anche fame a metà mattina!!!!!!!!! Aggiungi un posto a tavola per pranzo? Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con molto piacere Fede! Grazie ;-)

      Elimina
  4. ma è veramente fantastica questa ricetta! ottime foto, come sempre, baci!

    RispondiElimina
  5. Mia cara, sono rimasta davvero a bocca aperta! Meriti un applauso di quelli scroscianti per aver realizzato la più bella pitta salentina che si sia mai vista: vien voglia di tuffarsi nella teglia con tutta la faccia!!! :-D Grazie per aver provato una mia ricetta e ancora complimenti per questo capolavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che tu abbia apprezzato la mia preparazione...
      I tuoi complimenti mi lusingano e mi spronano a fare sempre di più!
      Ringrazio te Lucia per aver condiviso questa meraviglia! :-)

      Elimina
  6. BRAVISSIMA, buonissima e bellissima!! è tutto superlativo chez toi!

    RispondiElimina
  7. troppo invitante la pitta di patate, gnammi!!

    RispondiElimina
  8. complimenti!!bella riproduzione;0))a Lucia ho gia' detto bravissima,giorni fa..ora lo dico a te;0))buon pomeriggio ^;*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti Elisabetta! ;-)

      Elimina
  9. Che buona!!DAVVERO INVITANTE!COMIMENTI!

    RispondiElimina
  10. Sara caspita! ci credo che appena l'hai vista ti ha conquistata... poi con le tue foto invoglieresti chiunque... deliziosa. me la segno, non può sfuggirmi :)

    RispondiElimina
  11. Ma quant'è beeellaaaa Saraaa! Bravissima una Signora Pitta :o)
    BUONI gli ingredienti e insieme immagino già che al primo boccone si voli nella terra baciata dal sole, con spiagge bianche e un mare dalle sfumature incredibili!
    Farò anche questa meravigliosa ricetta appena mi torna la voglia di accendere il forno :o)
    Grazie Sara :o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanta poesia ti ispira il cibo... Mitica!
      Grazie a te Barbara ;-)

      Elimina
  12. Mmmmmmmm è uno spettacolo di gusto e di bellezza!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  13. una vera goduria questa ricetta, la devo provare assolutamente, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  14. si è proprio lei , una goduria unica questa "pitta" un VERA DELIZIA ...COMPLIMENTI DAVVERO

    RispondiElimina
  15. Non ne avevo mai sentito parlare ma devo dire che mi ha conquistata... già a partire dal suo bel colore!

    RispondiElimina
  16. Ciao! anche noi volevamo rifarla! ci era piaciuta moltissimo! ricca, piena e dai sapori estivi!
    cmplimenti, l'hai replicata perfettamente!
    un bacione

    RispondiElimina
  17. Bellissimo blog...Complimenti!
    Siamo tue nuove followers... seguici anche tu ;-)
    Un bacione,
    Margherita

    RispondiElimina
  18. It looks so wonderful ... and it seems easy to cook. Maybe I make this weekend that I have guests at home.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. It is very easy and tasty. Thanks for visiting!

      Elimina
  19. ha un'aria davvero ottima! non è ora di mangiare ma me la papperei tutta lo stesso come spuntino di mezzanotte! questa la copio di sicuro!

    volevo farti i complimenti per il blog, è da un po' che sono una lettirce fissa e spesso ho già preso spunto da alcune tue ricette!
    da poco ne ho uno anch'io, passa a visitarlo se ti va!

    a presto,
    Michela

    RispondiElimina
  20. Il tuo blog è sempre una garanzia per me, grazie per la ricetta, l'ho pubblicata oggi. http://dolcemente-salato.blogspot.it/2012/09/pitta-di-patate-salentina.html
    E' un piatto eccellente!

    RispondiElimina
  21. ciao, la mia famiglia è salentina e le mie zie la fanno un po' diversa: le cipolle dovrebbero essere aromatizzate con una foglia di alloro (da togliere prima di farcire la pitta), dell'origano, e del basilico. Al posto della passata di pomodoro ci vanno una decina di pomodorini. L'olio di cottura delle cipolle deve essere abbondante: è infatti con quello che si insaporiscono le patate schiacciate prima di formare la pitta (dalle mie parti - Parabita - nelle patate non si mette nè formaggio nè uovo, solo il sugo delle cipolle con i pomodori e con gli aromi).
    Ma è bello così, con diverse varianti. Buon appetito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace molto anche la tua versione, quindi la proverò presto! Grazie!

      Elimina
    2. Anonimo: mi permetto di risponderti io perché è mia la ricetta che ha seguito Sara. Sono anch'io salentina (di Gallipoli, per la precisione). Mi permetto di sottolineare che nella versione originale della pitta alloro, origano e basilico non ci vanno assolutamente: l'unica erba ammessa è la menta. L'olio abbondante è previsto anche nella mia ricetta (basta leggerla con attenzione) mentre la passata di pomodoro non so dove tu l'abbia letta (io ho parlato di POLPA DI POMODORO FRESCA). Comunque ogni famiglia è libera di farla come le pare, anche aggiungendo ingredienti che non c'entrano o eliminandone altri di fondamentale importanza (come il formaggio e l'uovo). Buona serata :-)

      Elimina
  22. con ripieno di formaggio (toma,o fontina )e prosciutto cotto rimane lo stesso una delizia indicata per chi non ama le cipolle buon appetito !!

    RispondiElimina
  23. Sembra davvero invitante:) la farò domenica per cena...mmmm nn vedo L'ora ...evviva il nostro adorato salento :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' buonissima! Fammi sapere come ti viene!
      Grazie per essere passata Vanessa! Ciao :)

      Elimina
  24. Ciao, ricetta buonissima, io ho aggiunto anche una/due scatolette di tonno al preparato di cipolle. :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella ricetta originale non ci va il tonno, ma mi fa piacere che ti sia piaciuta anche con questa variante! Grazie per essere passata :)

      Elimina
  25. io sono di s.m di leuca e non mangiando cipolle e erbe la faccio cosi ci mezzo ci metto sottilette e prosciutto cotto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua non è la pitta salentina, ma un tortino di patate dove ognuno ci mette quello che piace e quindi va bene così! Grazie Anfra per essere passata :)

      Elimina
  26. Dovrei farla per 20 persone, quanta ne devo fare secondo voi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simone, scusa se rispondo solo adesso ma il tuo commento era finito nello spam.
      Dipende dalle porzioni e dall'appetito dei commensali... Poi raddoppiare la dose.
      Grazie per essere passato :-))

      Elimina

Grazie per essere passato/a... se provi le ricette o vuoi un parere, lascia un commento.